fbpx

Come gestire l’ansia: 5 strategie da applicare subito

Se all’università esistesse un corso su come gestire l’ansia, troveresti un sacco di gente in fila per iscriversi…

Eh sì, l’ansia è un problema che riguarda molti di noi…

Perché la vita non è una linea retta, ma è una strada con qualche curva, dove benessere e disagio a volte si alternano.

Ora, se ti dico la parola ansia, tu a cosa pensi?

Per me l’ansia è come un ospite invisibile, che ogni tanto viene a trovarmi…

Anche quando abbiamo un buon rapporto con noi stessi, questo visitatore crea sempre un po’ di scompiglio.

Diciamo che è il suo lavoro…e probabilmente questo lavoro in realtà serve anche a qualcosa

L’ansia infatti serve spesso a metterci in guardia, per farci vedere i nostri limiti attuali.

Sai cosa penso in tutta sincerità?

Che l’ansia, in se stessa, non è né buona né cattiva…

Tutto dipende dal tipo di risposta che noi sappiamo attivare!

In questo post parleremo di come gestire l’ansia, imparando a farci le giuste domande e utilizzando le giuste strategie per tenerla sotto controllo.

Credimi, l’importante è sapere dove guardare e cosa cercare…

Perché le risposte le abbiamo già tutte (magari dentro a qualche ‘cassetto’ inesplorato) e chiedono solo di essere portate alla luce.

Cosa condividerò in questo post

Ti darò 5 soluzioni pratiche su come gestire l’ansia.

Le stesse soluzioni che mi sono state di grande aiuto in alcuni momenti difficili della mia vita.

come gestire l'ansia

“Il bello del vino è che, per due ore, i tuoi problemi sono di altri” (Cit.)

Ma prima vorrei condividere con te alcune riflessioni sull’ansia…

L’esperienza mi ha insegnato una cosa fondamentale.

L’ansia è solo la manifestazione esteriore di disagi che abbiamo al nostro interno.

Diciamo che, se il disagio è la causa, l’ansia è l’effetto.

Per cui, se vogliamo risolvere il problema alla radice, dobbiamo imparare a guardare in faccia le cause.

Altrimenti le stesse dinamiche si ripeteranno ancora e ancora, in salse diverse…

fino a che non avremo imparato la lezione!  😉

Come gestire l’ansia con le domande giuste

La verità è che tu hai il potere di gestire l’ansia trovando le risposte dentro di te.

Come?

Imparando l’arte di farti le domande giuste.

Come ti dicevo prima, l’ansia è solo un effetto che dipende da una causa interiore.

Questa causa probabilmente è un’insicurezza che ancora non sei riuscito a risolvere.

oppure una convinzione limitante, su te stesso o sulla vita che ti porti dietro da chissà quando.

Guarda queste insicurezze come dei sassolini che ristagnano sul fondo della tua coscienza…

E così l’ansia che sale diventa un’opportunità per osservarli, scuoterli e fare un po’ di pulizia.

Farsi delle domande ti sarà di grande aiuto…

…cambierai il solito punto di vista e libererai la tua creatività!

Farsi domande è come una grande chiamata alle armi che ti permetterà di fronteggiare la situazione.

Eccone alcune:

  • Cosa REALMENTE mi sta facendo vivere questa sensazione di ansia / insicurezza / frustrazione?
  • Quali sono le convinzioni limitanti che si nascondono dietro a tutto ciò?
  • Che cosa, davvero, sto temendo?
  • Quali capacità e quali strategie posso mettere in atto fin da ora per migliorare questa situazione?

Quando vivo uno stato d’ansia io mi faccio sempre qualcuna di queste domande…

gestire l'ansia

“Quasi quasi mollo tutto e divento felice” (Cit)

…e le ripeto anche più volte, lasciando seguire una bella pausa di silenzio.

E immancabilmente, prima o poi, la mia voce interiore mi fornisce una risposta, un’intuizione, una soluzione.

Le risposte non ti arrivano immediatamente?

Non preoccuparti, a volte ci vuole tempo!

Abbi fiducia nel processo che hai attivato e resta il più possibile in ascolto di te

Le risposte possono arrivarti quando meno te l’aspetti!

(se cerchi anche un rimedio naturale in gocce di alta qualità, io uso e consiglio Duo Heart di FitLine.

Si tratta di q10 e omega3 ad elevata assimilazione: personalmente ho riscontrato ottimi risultati sugli stati d’ansia!)

Come gestire l’ansia con 5 strategie veloci ed efficaci!

Cosa fare invece quando sei nel mezzo di un attacco d’ansia?

Come darti sollievo nell’immediato senza però ‘anestetizzarti’ con metodi che, anziché darti potere, te lo tolgono?

Ti avevo consigliato alcuni rimedi naturali nel post calmare l’ansia usando i fiori di Bach.

Oggi invece ho preparato per te una lista di 5 strategie di rapido utilizzo.

Si tratta di veri e propri ‘salvavita’ che sono stati preziosi per me nei momenti di crisi.

Eccoli.

Art therapy

L’art therapy è un metodo sempre più diffuso, anche in Italia, per contrastare gli stati di ansia e di inquietudine.

come gestire l'ansiaIn pratica, si tratta di libri da colorare per adulti con i più vari soggetti…

dalle immagini naturali ai mandala, dagli arabeschi astratti a personaggi ispirati al mondo delle fiabe come fate, elfi e folletti.

Sono disegni ricchi di dettagli, che richiedono un certa accuratezza per essere eseguiti.

Prova a pensare ad un bambino intento a colorare.

Hai notato quanta concentrazione mette in ciò che sta facendo?

Questo perché le attività manuali in generale tendono a richiedere tutta la nostra concentrazione.

Ci assorbono, allontanandoci dalle nostre preoccupazioni.

Io quando mi sentivo un po’ ‘fuori onda’, spesso prendevo fra le mani uno di questi album e partivo per il mio viaggio…

Sì un fantastico viaggio fatto di colori e vibrazioni.

E mi faceva sentire meglio, stimolando in me buonumore e creatività.

Puoi ottenere lo stesso effetto anche con altre attività manuali che ti danno soddisfazione…

Pensa ad esempio a quanta gente fa il giardinaggio per lo stesso scopo!

La Pausa di Potere per gestire l’ansia

La pausa di potere è una tecnica inventata da John Harricharan, un autore che ha lavorato con personaggi del calibro di Deepak Chopra.

Figurati che questa tecnica per gestire l’ansia è consigliata dal grandissimo Joe Vitale!

Considerato il Buddha di internet, ha una laurea in scienza metafisica ed è abilitato anche all’esercizio dell’ipnoterapia.

Ma veniamo ora alla Power Pause.

gestire l'ansiaSi tratta di una tecnica che ti insegnerà come gestire l’ansia in soli 3 minuti, trovando sollievo ed ampliando le tue prospettive.

L’idea è questa…

Se non puoi ignorare i tuoi problemi, almeno puoi disconnetterti per un tempo breve, ma sufficiente a ricaricarti.

Questo metodo di compone di 3 step, uno per ogni minuto.

  1. PRIMO MINUTO: chiedi alla tua mente di darti solo 3 minuti di tregua dal problema che ti affligge e che ti comunica ansia. Per aiutarti puoi usare la tua immaginazione, e vederti comodamente seduto in uno scenario di tuo gradimento, come una spiaggia, un bosco o altro. In questo modo staccherai il focus perché la tua mente sarà impegnata ad elaborare l’immagine.
  2. SECONDO MINUTO: ora si gioca con le emozioni… Prova a ‘sentire come ti sentiresti’ se il tuo problema fosse risolto. Non concentrarti sul come questo problema si potrebbe risolvere, ma solo sulla sensazione di stare finalmente bene, e in pace con te stesso. Goditi questo stato d’animo più a lungo possibile. Questo perché le emozioni, più che i pensieri, hanno un potente impatto sul nostro inconscio, e possono influenzarlo.
  3. TERZO MINUTO: esprimi gratitudine per i sentimenti che hai provato, e per la possibilità che ti sei concesso di prendere una pausa di potere. Chi devi ringraziare? Qualsiasi cosa identifichi come un potere “superiore”. Si può trattare di Dio, dell’Universo, della tua stessa anima, del tuo gatto o di qualsiasi cosa che abbia per te un potere trasformatore.

Meditazione per la guarigione

Ovviamente puoi trovare spunti su come gestire l’ansia anche attraverso l’uso della meditazione.

Se sei un meditatore esperto puoi guidarti da te…

ma a volte io trovo così rilassante sapersi affidare a qualcuno che ti prende per mano e ti porta a spasso con l’immaginazione…

qualcuno che sappia architettare intorno a te una scena in cui devi solo immedesimarti, sapendo che stai per affrontare un potente quanto dolce viaggio trasformativo…

come gestire l'ansiaBene!

La bella notizia è che devi solo sederti e selezionare una di queste due tracce che ho scelto per te dal sito Accademia Infinita di Niccolò Angeli!

La prima si chiama il gioiello della sofferenza e va bene se stai provando ansia e preoccupazione, oppure un’inquietudine che non sai spiegare.

La seconda si intitola dissolvere i problemi.

Questa te la consiglio se ti senti un po’ più ‘lucido’ e desideri trasformare l’energia che nutre il problema in un’energia propositiva, orientata alla risoluzione.

Musica ambientale con toni binaurali

Ne avevamo già parlato nel post Metodi per dormire: ecco 5 modi semplici e testati da noi!

I toni binaurali servono a sintonizzare il nostro cervello su determinate frequenze, che corrispondono a specifiche attività o stati d’animo.

Questo brano che si intitola di Overcome Panic and Anxiety è arricchito con frequenze specifiche che permettono al cervello di sintonizzarsi sulle onde theta.

Queste onde hanno una frequenza che varia tra 4 e 7 Hz e vengono prodotte durante la fase REM del sonno o in stati di profonda meditazione.

Sono inoltre associate alle attività creative, di problem-solving ed a tutto ciò che riguarda l’attivazione dell’intuito.

Devi sapere che queste sono chiamate pratiche di neurofeedback perché creano intenzionalmente alcune onde cerebrali con i toni binaurali.

E ti interesserà sapere che proprio l’uso delle onde theta si è rivelato utile per gestire l’ansia e la depressione.

Ballare

Un’equipe di studiosi dell’Università di Heidelberg in Germania ha svolto uno studio sugli effetti psicologici della danza.

I risultati hanno dimostrato che questa attività ha un’efficacia comprovata nel migliorare la qualità di vita e nell’allontanare i sintomi di ansia e depressione.

Magari anche tu sei un tipo molto ‘fisico’ e quindi l’idea di meditare o di colorare non è nelle tue corde…

Vuoi sapere come gestire l’ansia mettendo in moto il tuo corpo?

come gestire l'ansiaProva allora a danzare. Anche in solitaria.

(nessuno vedrà e ti sarà più facile esprimerti come vuoi!)

Metti su una musica che ti piace e lasciati trasportare dalla melodia.

Questo è un modo semplicissimo (ma potente) per lasciarsi andare…

perdere un po’ il controllo ti sarà di grande aiuto per allentare la tensione psicologica!

Ricorda: danzare liberamente è un modo di esprimere se stessi ed entrare in contatto con la propria creatività…

E stimola anche la produzione di endorfine, i cosiddetti “ormoni del benessere”.

Bene! Siamo giunti alla fine.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo: Come sconfiggere l’ansia con il potere del suono: 3 soluzioni efficaci

Hai trovato qualche tecnica o qualche spunto su come gestire l’ansia che fa al caso tuo?

Parliamone nei commenti! 🙂

A presto!

 

 

Simonetta Tortore
 

Simonetta, Laureata in Lettere e Networker. Amo il riso (nel senso di ridere!), cucinare (parola d'ordine: sperimentare), dipingere (nel blu dipinto di blu) e la Formula Uno (solo rosso Ferrari!)

Clicca Qui per Lasciare il Tuo Commento 0 commenti
>

Send this to a friend